parallax background

DaVinci Resolve 14: finalmente Blackmagic Design rilascia la versione 14!

Comprare Extra UE: conviene?
10 settembre 2017
MacOs High Sierra: occhio se lo usate come server web!
30 settembre 2017

Blackmagic Design ha finalmente rilasciato la versione definitiva di DaVinci Resolve 14!


Dopo mesi di beta, siamo giunti alla versione stabile!

Se siete videomaker di professione, o appassionati del montaggio video, probabilmente avrete sentito nominare (o starete già utilizzando) DaVinci Resolve.

Nato inizialmente come software di color grading, oggi è divenuto un'applicazione a tutto tondo per il montaggio video, e con questa versione BlackMagic ha deciso di entrare di prepotenza sul mercato grazie a diversi fattori, che potrebbero decretarlo nel medio termine "IL" software di video editing per eccellenza (e già qui odo le urla di disapprovazioni degli utenti di Premiere o Final Cut).

Ma andiamo per ordine...



Cosa fa DaVinci Resolve 14?
Innanzitutto permette di montare i propri video su una timeline simile a quella dei programmi concorrenti: si acquisisce il filmato, lo si sposta nella timeline, e tramite le classiche maniglie magnetiche, lo si elabora in termini di taglio/durata, applicando effetti di transizione o effetti cromatici (o altro)

Certo, fin qui niente di nuovo... anche iMovie, lo fa!

Ma quello che gli sviluppatori di BlackMagic sono riusciti a fare. è stato quello di rendere l'interfaccia pulita, intuitiva, ma anche di stabilizzare il software.

E quando parlo di stabilità, ne parlo con cognizione di causa: il mese scorso ho voluto montare due video di circa 10 minuti l'uno, applicando effetti, lavorando sull'audio, aggiungendo titoli. Avevo deciso di utilizzare iMovie... 4 o 5 crash per ogni filmato... Perdita di tempo, e rifacimento dell'elaborazione...

Anche la velocità è aumentata: si parla di elaborazioni più rapide fino a 10 volte la versione precedente di DaVinci Resolve. In questo modo è possibile lavorare a delle bozze anche su portatili di fascia medio bassa, e terminare poi il lavoro sulla workstation in studio o a casa.

La parte di color grading è quella che chi già utilizzava il programma conosceva. E parliamo di una pietra miliare del panorama del videoediting.

Ecco poi la chicca: la gestione integrata della traccia audio tramite i controlli Fairlight, che permettono di applicare effetti audio o di modificare la traccia

Completa il tutto la sezione di esportazione, ricca di opzioni e formati



Provare per credere!
La cosa bella di DaVinci Resolve è che esiste in versione Free (con qualche limitazione). In questo modo si può iniziare a prendere confidenza con il programma. Se è sufficiente per le nostre necessità, saremo a posto così. Altrimenti potremo passare a DaVinci Resolve Studio, ad un costo tutto sommato abbordabile (chi ha un Mac lo trova anche sull'app store, ma attenzione: rispetto alla versione "da negozio", questa ha qualche piccola limitazione imposta dalle policy di Apple). Prezzo una tantum, nessun canone da pagare.
E viste le potenzialità e gli sviluppi degli ultimi tempi, che hanno portato il pacchetto da "semplice" color grading a suite completa, un pensierino io lo farei!